Violenza sulla donna

violenza donne

Violenza indiscussa sul corpo pallido

Il sangue, i lividi sulle labbra opache

Il cuore scoppia nel fisico ferito

Intorno tutto tace



Ogni giorno ingoia e beve

L’amarezza e tutta la gloria del silenzio

E intanto muore un poco

Ad ogni schiaffo un pezzo d’anima scompare


Con le mani sporche guarda la luna

Dalla finestra sul lavandino del bagno

Dove pulisce l’ennesimo sangue.

Sogna di essere come lei

E di scatenare maree e tempeste

Per annegare quell’uomo

Che ha lo stesso odore dell’inferno


È sufficiente un corpo più esile

A giustificare una violenza perpetua?


Millenni di storie rubate,

Di grida soffocate

Padri, fratelli, mariti e papi di ogni religione

Chi vi ha dato il diritto di assassinarci?


Non c’è giustizia abbastanza grande all’altro mondo

Meglio prendercela in questo

Chi alza una mano su una la alza su tutte


Insegniamo ai futuri carnefici

Come essere amanti

Che non esiste umanità più colpevole

Di un’umanità silenziosa

Claudia Neri

Non l’hai ancora fatto? Leggi la poesia Virus