Vai al contenuto

Altrove

nike

Impeto di altrove,

di rinunciare a questa penna,

a questo foglio, la scrivania, il ventilatore.


Slancio convulso verso altre idee

che qui non respirano

Oltrepassare i contorni spenti di questi angoli e queste linee

e fuggire dove il silenzio è musica


Chi sono oggi?

Non lo so, ma non chi ero ieri.


Un ruggito mi spinge da un lato

La stanchezza mi culla dall’altro


Ma cos’è morire?

Per me, oggi, è restare qui.

Nell’insoluto, nell’indiscutibile.

Qui che non sono vicina a nessuno

ma distante neppure.


Chi vedo?

Una sconosciuta.

E come tale, non so agire.

Personae, dal greco maschera

ti prego scegli chi interpretare oggi

in questa gabbia dorata.

Claudia Neri

Non l’hai ancora fatto? Leggi la poesia Virus

Articoli correlati

Resta

Le tue dita dentro la mia bocca Si levano, al cielo Dicono all’infinito di espandersi Le mie labbra non le lasciano andare Resta, rimbomba come

Continua la lettura »

Condizionale

Esiste vero dolore per ciò che non comprendi? Il mio dolore si consuma, quotidiano cresce E divora più le parole non dette Che quelle sbagliate.

Continua la lettura »

Leggero

Ho preso i pesi Dei rancori passati e futuri E li ho lasciati cadere, Poi ho sciolto nel fuoco Ogni nervo teso. Ho sciolto i

Continua la lettura »

Miracolo

Ho fatto a pezzi tutto il dolore Per riscostruirmi da capo Nel mio mosaico Scorrono oro  E acqua di mare Perché sono preziosa E non

Continua la lettura »

Chi Sono

Claudia Neri

Ho 25 anni e amo scrivere, viaggiare, mangiare e fare capoeira. Ho studiato lingue e mi occupo di comunicazione digitale ed editing letterario. Mi piace esplorare il mondo e le persone, scoprire nuovi punti di vista e amare sempre. Questo blog è il mio passaporto per l’eternità.”

“Abbi un cuore insaziabile, affamato di vita, senza paura del dolore”

Naviga tra le categorie dei miei articoli