Altrove

nike

Impeto di altrove,

di rinunciare a questa penna,

a questo foglio, la scrivania, il ventilatore.


Slancio convulso verso altre idee

che qui non respirano

Oltrepassare i contorni spenti di questi angoli e queste linee

e fuggire dove il silenzio è musica


Chi sono oggi?

Non lo so, ma non chi ero ieri.


Un ruggito mi spinge da un lato

La stanchezza mi culla dall’altro


Ma cos’è morire?

Per me, oggi, è restare qui.

Nell’insoluto, nell’indiscutibile.

Qui che non sono vicina a nessuno

ma distante neppure.


Chi vedo?

Una sconosciuta.

E come tale, non so agire.

Personae, dal greco maschera

ti prego scegli chi interpretare oggi

in questa gabbia dorata.

Claudia Neri

Non l’hai ancora fatto? Leggi la poesia Virus

Articoli correlati
vola

Riempimi

Stalattiti che mi infrangono l’anima lava che sgorga dappertutto Mi riempi di sete Per farmi bere ancora Queste mani sono strette

Continua la lettura »
ccc

Qualche volta

Qualche volta mi viene voglia
Di guardarti e sorridere,
Di sorridere a ogni uomo del mondo
Prendere per mano uno sconosciuto
Abbracciarti e portarti via con me

Continua la lettura »

Chi Sono

Claudia Neri

Ho 25 anni e amo scrivere, viaggiare, mangiare e fare capoeira. Ho studiato lingue e mi occupo di comunicazione digitale ed editing letterario. Mi piace esplorare il mondo e le persone, scoprire nuovi punti di vista e amare sempre. Questo blog è il mio passaporto per l’eternità.”

“Abbi un cuore insaziabile, affamato di vita, senza paura del dolore”