Virus

statua

Da quando il respiro degli altri è diventato pericoloso?

Da quand’è che abbiamo paura, se vediamo una bocca scoperta?

L’aria si colora di un pericolo trasparente

L’invisibile minaccia silenziosa evapora in un bacio schioccato da lontano




Penso alle mani, che come il tocco di Mida trasformano le cose

Ma niente diventa oro, tutto diventa sporco

Com’era bella prima una carezza, naturale un abbraccio.

A volte mi sorprendo a calmarmi quando qualcuno mi si avvicina senza maschera,

Come se fosse un atto di fiducia: lo so che sei sano, tu non mi farai del male

Che stupido, vero?

Penso ai bambini, ai loro giochi infantili senza soggezione

Penso al loro esplorare con la bocca ogni cosa del mondo

E poi alla mia bocca, che poteva baciare e amare e ora è sempre spoglia.

Persino un sorriso diventa invisibile.

Come lo vedi che sono felice quando ti guardo?

Penso alla folla, a come la gente s’incontrava per strada

Flussi di mille persone tra aperitivi e campane

Ogni cosa era festa

Mentre ora ogni cosa è pioggia di silenzio

Congiunti e poi disgiunti

Lo so che nessuno di noi è più lo stesso di un anno fa

Una sola domanda mi resta,

siamo peggiori o siamo migliori?

Claudia Neri

Non l’hai ancora fatto? Leggi la poesia Virus