Cicatrici - Una poesia di Claudia Neri - Parole Mute

cicatrici

statua

Leggo le tue cicatrici

sui corpi degli altri

E il sangue delle tue labbra

Scorre da altre parole.

Salvami, voltami

Verso il tuo puro corpo

Che fluisce

Nudo, attraverso di me.

Parla, perché io riposi.

Respira, perché io respiri,

guardami perché io

non pianga,

perché io non mi guardi,

perché io veda universi nostri

e non il mio che

mi logora di vecchio tempo.

Claudia Neri

Te la sei persa? Leggi la poesia La tua assenza fa rumore