Vai al contenuto

10 consigli per superare il blocco del lettore

10-consigli-per-superare-il-blocco-del-lettore

Il blocco del lettore è un nemico che si presenta nella vita di quasi tutti i lettori. I sintomi principali sono: scarso interesse per la lettura, demotivazione, noia, incapacità di concentrazione e incapacità a ritagliarsi dei momenti per leggere.

Voglio fare una premessa prima di suggerirvi come superare il blocco del lettore. È assolutamente normale non avere voglia di fare una cosa e va bene anche smettere di farla per un periodo.

Siamo esseri umani e attraversiamo mille fasi diverse nella vita durante le quali sentiamo il bisogno di cose, sentimenti e stimoli diversi.

Quindi ecco il primo consiglio: non farne un dramma, va bene così ed è una cosa passeggera. Se ti piacciono i libri, prima o poi tornerai da loro come il figliuol prodigo e li amerai ancora di più.

Inoltre, ognuno ha il suo blocco e il caso è personalissimo. La lettura è una cosa molto intima, perciò ognuno di noi ha il proprio percorso interiore e la propria strada che lo allontana o lo avvicina alle pagine.

Book in library with open textbook,education learning concept

Leggi tutto l’articolo o clicca qui per scorrere alla sezione in cui consiglio i libri perfetti per uscire dal blocco del lettore.

Affrontiamo in modo positivo il blocco del lettore e iniziamo esaminandone alcune possibili cause. Un esempio è la mancanza di tempo perché gli impegni sono aumentati o hai cambiato abitudini. Un’altra ragione può essere che sei molto stanco e distratto e quindi non riesci a concentrarti su quel romanzo che volevi proprio leggere. Altre volte non c’è una ragione e semplicemente non hai voglia di aprire un libro. Io personalmente, quando ho il blocco del lettore, leggo mille volte le stesse righe e pagine senza capire nulla e, dopo quaranta pagine di un libro, mi rendo conto che non ho assimilato nessuna informazione utile.

Allora capisco che è ora di metterlo giù.

Fatte queste premesse ecco alcuni consigli per superare questo blocco, che spero possano aiutarvi a ritrovare la voglia di leggere.

1.Capire cosa vi interessa in quel momento

Sembra una banalità ma è una cosa fondamentale. Quante volte nella vita avete cambiato gusti o avete scoperto che vi piaceva qualcosa che non avevate mai assaggiato? La stessa cosa può capitare coi libri.

È importante interrogare noi stessi su cosa vorremmo leggere, di che tipo di storia abbiamo bisogno. Potremmo essere in una fase della vita in cui vogliamo solo ridere e restare “leggeri”, oppure in una fase in cui vogliamo fare un salto e ci serve quindi qualcosa di più energico.

Interrogatevi, prendetevi il tempo di capire voi stessi, e poi magari scegliete anche un libro che vi rispecchi. O magari no…

2.Staccarvi dai social

L’ho già detto in questo articolo, in cui do alcuni consigli su come leggere di più. I social sono molto importanti e ci aiutano a stare in contatto col mondo e leggere le cose che ci piacciono (la mia pagina Instagram è piena di consigli letterari). Tuttavia passare da Dickens a gattini e meme divertenti è un passaggio molto veloce.

Il mio consiglio è questo: scorrete le bacheche che vi piacciono, magari trovate qualche ispirazione letteraria tra le varie pagine che possono darvene e poi mettete il telefono in modalità aerea per un po’.

3.Dedicare un tempo alla lettura ogni giorno

Definire un tempo in cui fate un’attività aiuta il vostro cervello ad automatizzare l’azione e creare un’abitudine. La perseveranza è un’arma potentissima e qualche volta può anche sconfiggere un meccanismo mentale così cattivo come il blocco del lettore.

Pensate, ad esempio, di leggere trenta minuti ogni sera prima di andare a dormire e provate a farlo per una settimana. Magari all’inizio sarà uno sforzo ma poi diventerà piacevole (sempre se avete il libro giusto).

4.Andate in biblioteca o in libreria

Anche se non compro nulla e non c’è nessuna novità interessante trovo sempre terapeutico andare in libreria e girovagare tra gli scaffali. L’odore dei libri, sfogliarne le pagine, leggere i titoli nuovi e vecchi mi dà un grande senso di pace e serenità. Può essere un modo per avvicinarvi alla lettura in maniera diversa e magari trovare qualcosa di nuovo in quegli scaffali nascosti a cui nessuno presta attenzione.

5.Inizia un nuovo libro finché non trovi quello giusto

Sembra iperbolico, ma in realtà l’ho fatto in più occasioni. Il mio modo preferito per farlo è raccogliere una grande pila dalla libreria, sedermi e sfogliarla libro per libro leggendo solo le prime pagine. Continuo finché non trovo qualcosa di accattivante o non ho un’intera pila di scarti. Un’idea interessante – ma attenzione a farlo con educazione – è farlo in libreria dove avete sicuramente una scelta più ampia che a casa.

6.Scegliete libri brevi

Psicologicamente è un meccanismo che funziona. Sapere che manca poco alla fine vi fa pensare che non vale la pena abbandonare e che tanto vale finire quel racconto di settanta pagine che avete incominciato.

Per questo potete scegliere o libri brevi o anche raccolte di racconti, le quali vi permettono di capire subito se l’autore vi piace ed eventualmente cambiarlo senza perdervi una sua storia.

7.Guardate film tratti da libri

Può sembrare sciocco però a me tante volte mentre leggo mi viene voglia di guardare il film tratto dal romanzo che sto leggendo per vivere con più concretezza i personaggi e sentirli più vicini. Allo stesso modo, per tracciare le loro orme psicologiche e amarli fino in fondo, potrebbe venirvi voglia di leggerli dopo averli “visti”.

8.Cercate Pagine social letterarie

Ce ne sono davvero tantissime oggi che propongono contenuti interessanti e ispirazioni tutti i giorni. Solo per citarne alcune, ci sono: sisterbooks per i thriller, nuvoledinchiostro, tegamini, la_setta_dei_poeti_estinti per le poesie e lhascrittounafemmina per i libri scritti da donne. Su queste pagine potete conoscere autori nuovi ma anche scegliere più facilmente la vostra prossima lettura.

9.Riordinate la libreria

Può sembrare banale ma, proprio come andare in biblioteca, questa azione può restituirvi il contatto e il rapporto perduto con i vostri volumi. Potete riscoprire letture che avete amato tantissimo e magari rileggerle oppure ritrovare il regalo di Natale del 2006 di vostro cognato poco esperto e scoprire che oggi potrebbe essere interessante.

 

10.Libri consigliati per superare il blocco dello scrittore

È direttamente collegato al consiglio 7, cioè scegliere libri brevi e avvincenti. È fondamentale stimolare la curiosità e scegliere qualcosa che non ci faccia staccare gli occhi dalle pagine (poche pagine). Perciò ecco alcuni consigli:

  • Libri gialli/thriller/horror: è risaputo che creano suspence e ansia e che sono delle calamite. Autori consigliatissimi sono: Stephen King, Donato Carrisi, Joel Dicker, Guillaime Musso. Se poi volete qualcosa di più specifico eccovene due brevi brevi: Carrie di Stephen King, Le origini del male di You-Jeong Jeong.
  • Saggi interessanti: sono di solito etichettati come pallosi, ma la realtà è che è bello ciò che piace. Ci sono saggi su qualunque argomento ormai e sono sicura che potete trovare qualcosa di stimolante sia che vi piacciano i gatti, o i broccoli o i termosifoni. Io personalmente ho amato Poeti italiani del 900 di Matteo D’Ambrosio.
  • Uomini e topi di John Steinbeck, che ho recensito qui. In questo romanzo brevissimo scopriamo la maestria dello scrittore nel trattare sentimenti profondi e complessi con una naturalezza ineguagliabile.
  • Seta di Alessandro Baricco: delicato e pungente allo stesso tempo, il tema non è leggero ma le pagine scorrono davvero come seta.
  • Le notti bianche di Fëdor Dostoevskij dove un giovane sognatore, nella magia vagamente inquieta delle nordiche notti bianche, incontra una misteriosa fanciulla e vive la sua “educazione sentimentale”, segnata da un brusco risveglio con conseguente ritorno alla realtà.
  • Vukovlad di Paolo Maurensig, uno strano thriller baltico, che riprende un po’ le leggende di Dracula e del lupo mannaro, con una storia più breve e concreta.
  • L’ amante di Marguerite Duras: Un breve romanzo conturbante sullo sfondo dell’Indocina negli anni ’30. Protagonisti due amanti, una giovane donna francese di appena 15 anni e un ricchissimo uomo cinese. Un linguaggio scarno, diretto e intenso che proietta lontano nel tempo.
  • Novecento di Alessandro Baricco. Come non conoscere la storia del pianista Novecento? Appassionato e struggente, questo piccolo romanzo ci accompagna con delle note davvero uniche in una storia ancora più straordinaria.
  • La signorina Else di Arthur Schnitzler, tanto breve quanto intenso come solo questo autore austriaco sa fare. Questo piccolo racconto è provocatorio, stimolante e tiene incollati alle pagine per scoprire che fine farà questa bellissima ragazza con il suo corpo.

Dulcis in fundo, se non lo avete ancora fatto, date un occhio al mio articolo sui libri letti nel 2021. Ci sono le valutazioni di ogni romanzo e anche la classifica. Può essere un buono spunto per trovare ispirazione! 😊

Scopri chi sono

Sono nata a Napoli nel 1996. Leggo da quando aveva otto anni e ho finito il mio primo romanzo fantasy (ancora inedito) a 15 anni. Nel 2017 ho pubblicato la sua prima raccolta di racconti dedicata ai peccati capitali col titolo Inno Selvaggio. Il libro tratta i peccati in maniera allegorica (ad esempio Gola è un racconto di guerra in cui “il governo divora gli uomini”, Ira è la rabbia adolescenziale e ha come protagonisti ragazzini tossicodipendenti)

Articoli correlati

Chi Sono

Claudia Neri

Ho 25 anni e amo scrivere, viaggiare, mangiare e fare capoeira. Ho studiato lingue e mi occupo di comunicazione digitale ed editing letterario. Mi piace esplorare il mondo e le persone, scoprire nuovi punti di vista e amare sempre. Questo blog è il mio passaporto per l’eternità.”

“Abbi un cuore insaziabile, affamato di vita, senza paura del dolore”

Naviga tra le categorie dei miei articoli